CERIPNEWS ®
NOTIZIE

   Aggiornamenti
   sugli eventi
   scolastici
   più rilevanti

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node2040-fondi-mof  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-29-06-2016//06:00//I-NODE2040
- -
Ripartizione fondi MOF a.s. 2016-2017
Sottoscritta al Miur l’Ipotesi di contrattazione nazionale integrativa
- - 
Sottoscritta al Miur l’Ipotesi di contrattazione collettiva nazionale del comparto scuola sui criteri di ripartizione per l’anno scolastico 2016-2017 delle risorse finanziarie destinate a retribuire gli istituti contrattuali di cui agli artt. 9, 0, 33, 47, 62, 84, 86, 87 del CCNL 2006-2009 del comparto scuola, come modificati dalle successive sequenze contrattuali (MOF).
L’Ipotesi è stata sottoscritta da Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola e Snals Confsal.
La somma complessiva di euro 689.210.000,00 viene ripartita come appresso:
- Fondo dell’istituzione scolastica art. 84 (FIS): euro 527.180.000,00
- Funzioni strumentali art. 33: euro 55.240.000,00
- Incarichi specifici artt. 47 e 62: euro 29.620.000,00
- Attività complementari di educazione fisica art. 87: euro 22.150.000,00
- Ore eccedenti sostituzione art. 20: euro 30.000.000,00
- Aree a rischio art. 9: euro 2.870.000,00
- Comandati art. 86: euro 1.150.000,00.
Relativamente al FIS, la somma complessiva di euro 527.180.000,00 sarà assegnata alle Istituzioni scolastiche in base ai seguenti parametri:
- Punti di erogazione del servizio (42.774): euro 110.96.525,17
- Posti dell’organico dell’autonomia: euro 323.18.901,48
- Posti personale educativo: euro 2.508.565,76
- Posti in organico dell’autonomia scuola secondaria di II grado: euro 90.389.007,59.

PER LEGGERE L’IPOTESI:  29_06_16_IPOTESI
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node2039-concorso-ds  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-29-06-2016//06:00//I-NODE2039
- -
Concorso Ds: avvio in autunno
Informativa alle OO.SS. Scuola da parte del Miur
- - 
In attesa che il Regolamento sul nuovo concorso per Ds venga esitato dal CSPI con osservazioni e precisazioni (tempo previsto la metà del prossimo mese), nel corso dell’informativa che il Miur ha fornito alle OO.SS. Scuola non sono mancati i primi rilievi al testo, soprattutto relativamente al bilanciamento dei punteggi tra titoli culturali e titoli di sevizio. Ė stata sottolineata una discrepanza di valori tra i titoli culturali come il dottorato di ricerca e l'esperienza concreta sul campo, a partire dalla dirigenza vera e propria per passare alle vicepresidenze o agli incarichi legati alle funzioni strumentali. Infatti, su un totale di 45 punti raggiungibili, 33,5 riguardano i titoli culturali, 11,5 i titoli di sevizio.
Inoltre, nella Tabella di valutazione tra i titoli culturali valutabili mancano i Corsi di specializzazione di durata biennale che hanno una durata di 3mila ore, per un totale di 120 crediti formativi che risultano molto di più rispetto ad un master di secondo livello.
Con il passaggio al CSPI e il successivo invio al Consiglio di Stato è ragionevole ipotizzare una partenza autunnale del concorso.
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node2038-ass-provv  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-29-06-2016//06:00//I-NODE2038
- -
Come ottenere l’assegnazione provvisoria
Analisi del comma 1, articolo 7 dell’Ipotesi di contratto sulla mobilità annuale
.
Lucio Ficara su “La Tecnica della Scuola” espone i motivi per cui è possibile richiedere l’assegnazione provvisoria da parte di un docente, che si riduce essenzialmente al ricongiungimento ad un familiare o a un convivente.
L’assegnazione può essere richiesta all'interno di una stessa provincia per avvicinarsi al comune di residenza dei familiari, oppure può anche essere richiesta da fuori provincia. In tal caso si tratta di assegnazione interprovinciale, ma anche in quel caso l'intento è di avvicinarsi il più possibile al comune del familiare a cui si intende ricongiungersi.
Scrive Ficara sulla Testata on-line già citata: “I motivi per cui si può richiedere l'assegnazione provvisoria sono bene specificati nel comma 1 dell'art. 7 dell'Ipotesi di contratto sulla mobilità annuale. In tale comma è riportato che l'assegnazione provvisoria provinciale o interprovinciale può essere richiesta per il ricongiungimento al coniuge o al convivente, ivi compresi parenti o affini, purché la stabilità della convivenza risulti da certificazione anagrafica; per il ricongiungimento ai figli o agli affidati con provvedimento giudiziario; per gravi esigenze di salute del richiedente comprovate da certificazione sanitaria; per il ricongiungimento ai genitori. Bisogna sapere che rispetto alle motivazioni suddette non esiste un ordine di priorità, per cui se un docente è titolare in Piemonte ed coniugato a Torino, ma ha i genitori a Reggio Calabria, può tranquillamente richiedere il ricongiungimento verso la provincia calabrese in cui risiedono i genitori. Il punteggio previsto per il ricongiungimento ai genitori, cioè 6 punti, è attribuito solo nel caso in cui almeno uno dei due genitori abbia un'età superiore a 65 anni. Se i genitori hanno un'età inferiore ai 65 anni, l
'assegnazione è consentita ma a punteggio “zero”.  Si considerano anche i figli che compiono i 6 anni o i 18 anni entro il 31 dicembre dell’anno in cui si effettua l’assegnazione provvisoria. A tal fine, il docente che aspiri all'assegnazione provvisoria per ricongiungimento ai genitori, al coniuge, convivente e/o ai figli dovrà indicare il comune o di ricongiungimento nella domanda ovvero il comune viciniore in assenza di posti e/o classi di concorso richiedibili. Tale comune, ovvero il distretto scolastico di ricongiungimento per i comuni suddivisi in più distretti, dovrà essere necessariamente indicato nelle preferenze. Esso, eventualmente preceduto dalla indicazione di preferenze analitiche relative a specifiche scuole, dovrà necessariamente a sua volta precedere la preferenza per ogni altro comune o distretto sub-comunale per i comuni suddivisi in più distretti.
Per quanto riguarda il ricongiungimento ai figli o comunque la valutazione del punteggio dei figli, è necessario dire che ci sono delle importantissime novità per le lavoratrici madri e per i lavoratori padre. Infatti la lavoratrici madri e lavoratori padri anche adottivi o affidatari con prole di età inferiore a sei anni avranno la precedenza nelle assegnazioni provvisorie. Un'altra precedenza, meno incisiva della precedente, spetta anche alle lavoratrici madri e ai lavoratori padri anche adottivi o affidatari con prole di età superiore a sei anni e inferiore a dodici anni limitatamente alle assegnazioni provvisorie interprovinciali”.
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node2037-terzo-ciclo-tfa  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-29-06-2016//06:00//I-NODE2037
- -
TFA terzo ciclo: i posti, i tempi, le procedure
Possibile bando già a luglio e prove in autunno con test di selezione a settembre
.- - 
Saranno 16.346 i posti per il III ciclo del TFA, così suddivisi 11.328 comuni (3.270 per le scuole medie e 8.058 per le superiori) e 5.108 sul sostegno (infanzia: 392, primaria: 1.749, scuola secondaria I grado: 1.932, scuola secondaria II grado: 1.035).
Relativamente alla scuola secondaria, al momento non si sa quali classi di concorso saranno coinvolte; certo è che il bando potrebbe essere pubblicato a luglio per poter svolgere le prove in autunno, con test di selezione già da settembre.
Dalla pubblicazione del bando infatti dovranno trascorrere 60 giorni prima del test, utili per la presentazione delle domande.
Le selezioni dovrebbero essere svolte in tempi rapidi se si vuole assicurare il completamento del corso in tempo utile per l'aggiornamento delle graduatorie di istituto di II fascia del triennio 2017/2020.
Si consideri anche che il titolo deve essere acquisito entro il 31 luglio per poter accedere a pieno titolo, altrimenti poi si andrà negli elenchi aggiuntivi, e che la legge 107/2015 ha disposto l'abilitazione come unico requisito per l'accesso alle graduatorie di istituto, con progressiva scomparsa della III fascia, man mano che gli iscritti acquisiranno l'abilitazione.
È auspicabile che le Università organizzino i corsi in tempo utile per le scadenze fissate dal Miur, in modo da non far perdere ai docenti opportunità lavorative. Insomma, basterebbe non fare come al solito!
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node2036-funzioni-sidi  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-29-06-2016//06:00//I-NODE2036
- -
Nuove funzioni SIDI per denunce infortuni 
Precisazioni sulla gestione del “numero denuncia” e “numero identificativo”
- - 
In attuazione delle novità introdotte dal D.Lgs. 151/2015, il Miur, in collaborazione con l’INAIL, ha modificato l’area SIDI relativa alla gestione delle denunce di infortunio, adeguandola alle nuova modalità di gestione del numero registro di infortuni e dei dati relativi alla certificazione medica a corredo della denuncia di infortunio.
La nota n. 1904/2016 evidenzia che non è più obbligatoria la gestione del numero denuncia di infortunio da parte del datore di lavoro: in fase di inserimento di una nuova denuncia di infortunio, sarà automaticamente creato dal sistema un numero identificativo Miur che caratterizzerà la denuncia all’interno del SIDI e servirà per le consuete funzioni di ricerca e stampa. 
Sarà invece in carico all’ente assicurativo creare e gestire il numero registro di infortunio, che sarà visualizzato nelle funzioni SIDI, insieme all’usuale Numero Denuncia-Comunicazione di Infortunio.
È posto a carico dell’INAIL l’obbligo di trasmissione all’autorità di pubblica sicurezza delle informazioni relative alle denunce di infortunio in cooperazione applicativa.
I datori di lavoro sono esonerati dall’obbligo di trasmettere all’INAIL il certificato medico di infortunio. La certificazione medica, infatti, è acquisita dall’ente assicurativo direttamente dal medico o dalla struttura sanitaria che la rilascia.
Resta fermo per il datore di lavoro l’obbligo di trasmettere le denunce entro i termini previsti dalla norma, che decorrono dalla data in cui il datore di lavoro ha ricevuto i riferimenti del certificato medico dal lavoratore.
A tal fine, la sezione SIDI - Gestione Denunce Di Infortunio - Descrizione Infortunio è stata aggiornata nella parte relativa ai certificati medici con l’inserimento di due nuovi campi “Identificativo certificato” e “Data rilascio del certificato”. È stato altresì modificato il campo “Data in cui il datore di lavoro ha ricevuto ….” che non si riferirà più al ricevimento del certificato ma al ricevimento dei riferimenti relativi alla certificazione medica. Un secondo adeguamento consentirà, mediante la fruizione di una nuova funzione SIDI, la consultazione degli estremi dei certificati medici registrati nella banca dati di INAIL.
Il materiale informativo è pubblicato nell’area SIDI, al percorso Supporto ai Procedimenti Amministrativi – Denunce di Infortunio INAIL. Per problemi di natura tecnica è possibile rivolgersi al numero verde 800.903080.
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node2035-buono-scuola  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-29-06-2016//06:00//I-NODE2035
- -
Regione Siciliana: buono scuola a.s. 2008-2009
Con D.D.G. n. 3295/2016 disposte le erogazioni dei contributi
- - 
Il Dirigente Generale dell’Assessorato dell’istruzione e della formazione professionale – Dipartimento dell’istruzione e della formazione professionale, Gianni Silvia, con D.D.G. n. 3205 del 23 giugno u.s. ha decretato la concessione di contributi buono scuola per l’anno scolastico 2008-2009 in favore dio 741 soggetti con pagamento diretto e 39 soggetti con delega alla scuola.

PER LEGGERE IL PROVVEDIMENTO: 
29_06_16_BUONO_SCUOLA
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node2031-concorso2012  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-28-06-2016//06:00//I-NODE2031
- -
USR Sicilia - Concorso Scuola Infanzia 2012
Pubblicata la graduatoria generale definitiva di merito, con rettifiche
- - 
Sul sito web dell’USR Sicilia (www.usr.sicilia.it ) è stata pubblicata la graduatoria generale definitiva di merito, con rettifiche, per la classe Scuola dell’Infanzia di cui al Concorso D.D.G. 82/2012.
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node2030-quizzone  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-28-06-2016//06:00//I-NODE2030
- -
Dopo il “quizzone”, attesa per l’orale
Nei prossimi giorni potrebbero iniziare i colloqui // I risultati degli anni precedenti
- - 
Dopo ben 3 prove scritte e per certi indirizzi anche di più, il primo step della Maturità 2016 si è concluso per oltre 500mila studenti che adesso, dopo la correzione delle prove, dovranno affrontare la commissione d’esame per il colloquio orale.
***
***


I numeri nel triennio precedente
2015-2016: 503.452 candidati
2014-2015: 489.962 candidati (promossi: 99,4%, 100/100 e lode: 0,9%, 60/100: 8,4%)
2014-2014: 491.224 candidati (promossi: 99,2%, 100/100 e lode 0,8%, 60/100: 9,6%)

***
***

Già nei prossimi giorni sarà interessante leggere le votazioni ed i crediti con cui si arriva all’orale: i tre scritti possono valere, in tutto, massimo 45 punti, mentre l’interrogazione – in cui verrà esposta la tesina – può ottenere un massimo di 30 punti.
Lo scorso anno quasi un maturando su 100 (0,9%) ottenne la lode, mentre l’8,4% dei candidati uscì dagli esami con 
il voto minimo per la promozione (60/100).
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node2029-terzo-ciclo-tfa  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-28-06-2016//06:00//I-NODE2029
- -
Terzo ciclo TFA in via di emanazione
Previsti 16.436 posti in totale, con frequenza obbligatoria
 
- - 
In dirittura d’arrivo il III ciclo del Tirocinio Formativo Attivo (TFA), parola di sottosegretario Gabriele Toccafondi. Il corso avrà una durata annuale con frequenza.
I posti in totale dovrebbero essere 16.436, di cui 11.328 comuni (3.270 per le scuole medie e 8.058 per le superiori) e 5.108 sul sostegno (392 alla scuola dell'infanzia, 1.749 alla scuola primaria, 1.932 alla secondaria di primo grado e 1.035 per le superiori).
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node2028-ricorso  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-28-06-2016//06:00//I-NODE2028
- -
Ricorso Flc Cgil al Tar contro il bonus
L’esclusione dei precari confligge con il comma 126 della legge n. 107/2015 // La rivolta catanese
- - 
La Flc CGIL ha notificato un ricorso presso il Tar Lazio avverso il DM n. 159/16 relativo ai criteri di ripartizione del bonus alle scuole per la valorizzazione del merito del personale docente. In base a quanto previsto dal citato DM la somma di 200 milioni di euro destinati al bonus deve essere ripartita in proporzione al numero dei docenti di ruolo in servizio presso ciascuna scuola. In questo modo l’Amministrazione, secondo il sindacato di via Leopoldo Serra di Roma, viola le disposizioni previste dalla legge 107 che, al comma 126, ha stabilito che le risorse devono essere ripartite alle scuole in proporzione alla dotazione organica di scuola e non in base al solo numero dei docenti di ruolo in servizio nella sede scolastica.
Inoltre la norma opera una discriminazione nei confronti dei docenti a tempo determinato in quanto questi vengono esclusi dal bonus, pur prestando il proprio lavoro con gli stessi impegni e gli stessi doveri del personale di ruolo ma non potendo godere degli analoghi diritti.
Tale differente trattamento – secondo i legali della Flc Cgil - è in forte contrasto con il diritto dell’Unione Europea  (Direttiva 1999/70/CE) che ricorda anche che il nostro Paese è stato già sanzionato dalla Corte di Giustizia europea per la disparità di trattamento riservata al personale precario rispetto a quello di ruolo. Inoltre la Flc Cgil ha presente che l’esclusione del personale a tempo determinato dalla possibilità di beneficiare del bonus risulta particolarmente penalizzante per le scuole in cui più incidente è la presenza di docenti precari.
- - - - -
La rivolta catanese
Da notizie di cronaca apprendiamo che a Catania sono pochissime le scuole che hanno reso pubblica la lista degli insegnanti che riceveranno il bonus destinato alla valorizzazione del merito. “Nella città etnea – secondo fonti Flc Cgil – sono state raccolte migliaia di firme per chiedere un referendum nazionale per l’abrogazione di alcune parti della legge 107/2015 ed in particolare si chiede che venga abrogato il potere del Dirigente scolastico di scegliere i docenti a cui dispensare discrezionalmente il premio salariale per presunto ‘merito’ (con tutti i rischi clientelari che non facciamo fatica ad immaginare)”.
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node2027-scola-pentenaria  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-28-06-2016//06:00//I-NODE2027
- -
Il ritorno della scala pentenaria a scuola
I giudizi sintetici potrebbero essere reintrodotti
nel primo ciclo di istruzione già dal 2017/2018
- - 
Potrebbero tornare l’anno prossimo le lettere-giudizio A, B, C, D, E, nella valutazione degli alunni del primo ciclo. La novità è contenuta in uno dei disegni di legge delega nella legge 107/2015, che dovrebbe entrare in vigore dall’anno scolastico 2017/2018. L'obiettivo è quello di far capire che il successo scolastico è un percorso in itinere, e non la somma aritmetica di tanti voticini su singole prove/esercizi. 

Livello

Giudizio

Scala decimale

Eccellente

A

10/10

Ottimo

B

9/10

Buono/Discreto

C

7-8/10

Sufficiente

D

6/10

Insufficiente

E

5/10



Verrebbe a cadere così un vessillo della legge Gelmini (per quello che vale!), ma sarà davvero poca roba se gli insegnanti continueranno a dare voti (informali) trasformandoli poi in giudizi sintetici (formali). Bisognerà tornare a declinare passaggi importanti della valutazione e fare in modo che il giudizio esprima correttamente e pienamente i livelli di apprendimento raggiunti dall’alunno rispetto al suo punto di partenza.
In ogni caso, funzionava già così, e bene, dal 1977 fino al ripristino dei voti voluto dall’ex ministra Mariastella Gelmini nel 2009 che così facendo avrebbe fatto una sorta di restaurazione gentiliana della scuola. Adesso sembra che il nostro Miur voglia tornare ai giudizi , non come ritorno la passato, ma solo come allineamento agli Stati Uniti e di molti Paesi europei che i voti numerici non li hanno mai utilizzati per giudicare i loro giovani! (n.b.)
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node2026-università  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-28-06-2016//06:00//I-NODE2026
- -
Università: strumento anti-disoccupazione
Giannini: “Una formazione qualificata consente di trovare facilmente lavoro”
- - 
La scelta universitaria per lo studente rappresenta un passo strategico per una successiva occupazione, secondo la ministra Stefania Giannini. E i dati sembrano darle ragione, perché i numeri più recenti sono abbastanza confortanti (*):
+2,4% le immatricolazioni tra i giovani con età pari o inferiore a 20 anni (+6.842 su un totale di 271.119 immatricolati);
+1,2% il tasso di passaggio dalla scuola all’università nello stesso anno del diploma (50,3%); un’inversione netta dopo anni di costante calo;
14,0% la percentuale di abbandono tra il primo e il secondo anno di corso;
15,0% gli immatricolati nei corsi triennali e a ciclo unico che cambiano corso di studio tra il primo e il secondo anno;
36,3% gli immatricolati all’area scientifica nell’a.a. 2015-2016;
26,2% età media alla laurea (nel 2010 era 26,9);
47,0% gli studenti che concludono gli studi rispettando i tempi previsti(nel 2010 erano il 29%);
26,78% la media del voto agli esami per i laureati regolari stabili;
104,41% la media del voto di laurea per i laureati regolari stabili;
84,0% i laureati soddisfatti del rapporto con i propri docenti;
67,0% i laureati che confermerebbero la scelta di facoltà e università.
(*) Fonte: Eventi/Il Sole 24 Ore del 27 giugno 2016
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node2024-quizzone  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-27-06-2016//06:00//I-NODE2024
- -
Il giorno del “quizzone”
Si concludono le prove scritte, adesso tocca all'orale!
- - 
Dopo aver archiviato serenamente la prova di Italiano e con qualche mal-di-pancia la seconda prova ritenuta davvero insidiosa per lo scientifico e piuttosto hard quella del classico (greco), oggi è il giorno del “quizzone” preparato dalle singole commissioni in stretta relazione con il Documento del 15 maggio, ma che tanti ragazzi temono molto, perché più insidioso.
Volendo fare una breve analisi sull’andamento delle prove scritte, possiamo affermare che s’è trattato di un esame in salita, con una prima prova davvero soft e che non ha spiazzato nessuno ed una seconda prova alquanto tosta fra un greco al Classico da trasformare, con vocabolario in mano, in testo di lingua italiana e non solo mera traduzione letterale che sarebbe stata nonsense, e la progettazione di un serbatoio di gasolio in un condominio allo Scientifico, per non parlare del resto, ben 10 quesiti di cui 7 di geometria analitica.
E mentre la Ministra continua a darsi la carica affermando che con le tracce di quest’anno sono stati forniti “spunti di riflessione interessanti agli studenti”, il 30% dei maturandi dichiara candidamente di aver copiato (25% da internet e 5% dagli appunti in tasca).
Dopo il “quizzone” una breve pausa per la correzione delle prove ed infine l’orale avviato con la tesina multidisciplinare e il successivo colloquio sulle materie.
Come abbiamo già scritto nei giorni scorsi, quest’anno alle commissione spetta anche l’onere del rilascio del “Certificato Europass” che gli studenti maturandi riceveranno insieme al consueto diploma. Il certificato, altra responsabilità per le commissioni, è una sorta di “passaporto Ue delle competenze”, un documento che aiuta il riconoscimento del titolo di studio all’estero e la sua spendibilità sul mercato del lavoro, descrive le competenze degli studenti e le attività professionali cui possono accedere.
- - - - -
Che cos’è il Certificato Europass?
Il documento già predisposto in formato europeo descrive le attività professionali e le tipologie di lavoro cui il titolare del certificato può accedere. Inoltre richiama anche le attività di alternanza scuola-lavoro che da quest’anno potranno essere inserite nel certificato dell’esame con la denominazione dell’azienda che ha ospitato lo studente e il numero di ore effettuate. Il Miur ha assicurato di distribuire il documento anche ai diplomati dello scorso anno. Il documento – sottolinea il Direttore generale del Miur, Carmela Palumbo, si rivolge al mondo del lavoro per facilitare l’accesso dei neodiplomati alle professioni, ma anche alle scuole, chiamate a raccogliere la sfida della didattica delle competenze.
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node2023-miur-condannato  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-27-06-2016//06:00//I-NODE2023
- -
Il Miur condannato dal Giudice di Asti
Mancato riconoscimento servizio pre-ruolo ai precari
- - 
Con sentenza n. 154 del 10-06-2016, il Giudice del Lavoro di Asti ha condannato il Miur a ricostruire la carriera di una docente riconoscendo il suo diritto all'intera anzianità di servizio maturata negli oltre 11 anni di  servizio pre-ruolo ed al pagamento degli arretrati economici  maturati e non riconosciuti.
La docente, aveva lavorato con incarichi annuali di supplenza per 11 anni prima di essere immessa nei ruoli del Miur e aveva sempre percepito il solo stipendio base, senza cioè alcun riconoscimento di scatti di anzianità e relativo incremento retributivo.
Solo dopo 4 anni dall'assunzione in ruolo, con decreto di ricostruzione carriera del maggio 2015, il Miur le riconosceva un'anzianità parziale (8 anni anziché 11 anni di supplenze pre-ruolo) e conseguentemente iniziava finalmente a pagarle la retribuzione maggiorata sia pure con un'anzianità inferiore a quella reale. 
La docente ha dunque proposto ricorso, facendo riferimento alla  normativa europea che impone un pari trattamento tra lavoratori a tempo determinato e a tempo indeterminato, con conseguente diritto del dipendente precario a vedersi riconoscere gli scatti di anzianità ed aumentare la retribuzione in relazione alla maggiore esperienza e capacità lavorativa maturata anche in corso di rapporti a termine. 
Il Giudice di Asti ha condiviso la tesi ed accolto il ricorso, sulla scorta dei principi più volte affermati anche dalla Corte di Giustizia Europea anche in materia di pubblico impiego e di precari della scuola, e ha riconosciuto il diritto all'integrale riconoscimento dell'anzianità maturata sin dal primo anno di insegnamento (a.s. 2000-2001). 
Il Giudice ha inoltre affermato che l'eventuale prescrizione – eccepita dal Ministero  – decorre soltanto dal momento in cui alla docente è stato comunicato il Decreto di Ricostruzione Carriera. Si tratta del riconoscimento di un importante diritto per i lavoratori a tempo determinato, che già subiscono la situazione di precarietà che ne penalizza grandemente le scelte di vita.
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node2022-pareri-aran  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-27-06-2016//06:00//I-NODE2022
- -
Pareri Aran su malattie e ferie
Cadono i permessi ad ore per malattia, l’irrevocabilità delle ferie e chiarimenti sulla legge 104
- - 
L’Aran, nella raccolta dei pareri che periodicamente invia alla P.a., precisa che non esistono “ore di malattia” per sottoporsi a visite mediche o altro, bensì giornate che non possono essere frazionate nell’arco della giornata.
Relativamente alle ferie fruite dal dipendente, per l’Agenzia è legittimo che per esigenze di servizio oggettive e prevalenti, questi venga richiamato, previo rimborso delle spese documentate di viaggio di rientro in sede e di ritorno alla località di svolgimento delle ferie, ma non più all’indennità di trasferta. Anche le ferie non possono essere fruite ad ore.
L’Aran precisa anche che, a meno di specifiche situazioni, non si possono convertire le ferie già fruite in 3 giorni di permessi ex lege 104; l’Agenzia precisa anche che detti permessi per l’assistenza a portatore di handicap, non possono essere presi nel mezzo delle ferie spezzandole.
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node2021-ass-nucl-fam  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-27-06-2016//06:00//I-NODE2021
- -
Corresponsione assegno nucleo familiare
Rivalutazione dei livelli di reddito a decorrere dal 1° luglio 2016
- - 
Con circolare n. 19 del 14 giugno 2016 il Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato – Ispettorato generale per gli ordinamenti del personale e l’analisi dei costi del lavoro pubblico – Ufficio IV, ha diffuso le nuove disposizioni relative alla corresponsione dell’assegno per il nucleo familiare – Rivalutazione dei livelli di reddito a decorrere dal 1° luglio 2016.
Nella circolare già citata (n. 19/2016) il Ragioniere Generale dello Stato Daniele Franco, precisa che «l’art. 2 del D.L. 13.03.1988, n. 69, convertito, con modificazioni, nella L. 13.05.1988, n.153, concernente la normativa in materia di assegno per il nucleo familiare, ha disposto, al comma 12, la rivalutazione annua, con effetto dal 1° luglio di ciascun anno, dei livelli di reddito familiare e delle relative maggiorazioni in misura pari alla variazione percentuale dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati intervenuta tra l’anno di riferimento dei redditi per la corresponsione dell’assegno e l’anno immediatamente precedente.
La suddetta variazione percentuale rilevata dall’ISTAT, da considerare ai fini della rivalutazione in oggetto dal 1° luglio  2016, è  risultata pari a - 0,1  per cento.
In relazione alla suindicata variazione si richiama quanto previsto dall’art.1, comma 287, della legge 28.12.2015, n. 208,  che,  con riferimento alle prestazioni previdenziali e assistenziali e ai parametri ad esse connessi,  ha stabilito che “la percentuale di adeguamento corrispondente alla variazione che si determina rapportando il valore medio dell'indice ISTAT dei prezzi al consumo per famiglie di operai ed impiegati, relativo all'anno precedente il mese di decorrenza dell'adeguamento, all'analogo valore medio relativo all'anno precedente non può risultare inferiore a zero”.
Pertanto i livelli di reddito contenuti nelle tabelle già diramate da questo Dipartimento con circolare 21 del 9.6.2015 restano validi, sulla base del reddito conseguito nel 2015, anche ai fini della corresponsione dell’assegno per il nucleo familiare per il periodo 1° luglio 2016 – 30 giugno 2017.
La presente circolare, unitamente alla modulistica per la richiesta dell’assegno e alle tabelle contenenti i predetti livelli di reddito (comunicate dall’INPS con circolare n. 92 del 27.5.2016), è resa disponibile esclusivamente con le seguenti modalità: invio della circolare per posta elettronica; consultazione della circolare nel sito Internet del Ministero dell’economia e delle finanze al seguente indirizzo: http://www.rgs.mef.gov.it/VERSIONE-I/CIRCOLARI/2016/ da dove si possono scaricare: circolare n° 19/2016, modello di domanda e tabelle ANF 2016.
Si invitano le Amministrazioni in indirizzo a portare a conoscenza dei dipendenti uffici che amministrano personale il contenuto della presente circolare, informandone anche il personale stesso».
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node2020-scuole-paritarie  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-27-06-2016//06:00//I-NODE2020
- -
Indicazioni per le scuole paritarie a.s. 2016/2017
La circolare n. 24 del 21-06-2016 dell’Assessorato dell’istruzione e della formazione professionale della Regione Siciliana
- - 
L’Assessorato dell’istruzione e della formazione professionale – Dipartimento dell’istruzione e della formazione professionale – servizio scuola dell’infanzia ed istruzione di ogni ordine e grado non statali della Regione Siciliana con circolare n. 24 del 21 giugno u.s. ha dettato indicazioni operative per le scuole paritarie di ogni ordine e grado per l’anno scolastico 2016/2017.

PER LEGGERE LA CIRCOLARE:  27_06_16_PARITARIE
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node2012-organico  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-25-06-2016//06:00//I-NODE2012
- -
Organico scuole 2016/2018
Nel triennio 746.418 cattedre, di cui 601.126 comuni, 96.480 sostegno e 48.812 potenziamento //
 
In Sicilia, calo significativo dei posti rispetto alla media nazionale (10%) tranne che nella scuola dell’infanzia e nel sostegno
- - 
Leggere il decreto sul fabbisogno delle cattedre previsto per il prossimo triennio non ci lascia né contenti, né soddisfatti! I numeri che riguardano la Sicilia sono i seguenti:
-

Settore

Sicilia

Totale

Infanzia

8.651

81.771

Primaria

16.482

196.707

I grado

14.111

131.033

II grado

18.688

191.615

Sostegno

10.669

96.480

Potenziamento

4.394

48.812


ma quello che lascia perplessi è proprio il potenziamento che nel giro di un anno si è liquefatto e che servirà quest’anno solo a coprire le supplenze, se tutto andrà bene! Prendiamo come riferimento la dotazione di potenziamento nella nostra Regione: in totale l’organico prevede 4.394 posti, di cui appena 1.595 per la scuola primaria, 668 per la secondaria di I grado e 2.131 per la secondaria di II grado, inclusi gli ITP.
Con questi numeri altro che contributo significato con il potenziamento per diminuire la dispersione scolastica, altro che soddisfacimento dei progetti previsti nel PTOF, altro che gestione autonoma delle scuole delle risorse disponibili!
E se proprio vogliano usare la calcolatrice, ricordiamo che mediamente in Sicilia è sempre arrivato circa il 10% dell’organico nazionale, ma da qualche anno a questa parte s’è registrata una progressiva inversione di tendenza: risultano significativamente meno del 10% i posti della scuola primaria, primo e secondo grado e potenziamento e solo i posti di scuola dell’infanzia e del sostegno si attestano a poco più del 10% della media nazionale.
Per migliorare il sistema scolastico ed accrescere l’offerta formativa non si può continuare ad usare la calcolatrice facendo un rapporto meramente quantitativo alunni-posti ed altri numerini da sballo, bisogna mettere le scuole in condizione di operare seriamente in autonomia e con risorse adeguate, se non sovrabbondanti, per rispondere alle mutate e mutevoli richieste della comunità. Altrimenti monitoraggi, autoanalisi, RAV, ipotesi di miglioramento ed altro ancora, possono risultare solo parole al vento, esattamente come “qualità” e “merito” di cui tanti ed a tutti i livelli, si riempiono la bocca di questi tempi! (n.b.)
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node2011-scuole-sicilia  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-25-06-2016//06:00//I-NODE2011
- -
Scuole Sicilia 2016/2017: modifiche ed integrazioni 
al D.D.G. 10571/2016
Assegnato al Convitto Nazionale “Cutelli” di Catania, Ds e Dsga
- - 
Con Decreto del Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale  per la Sicilia, Maria Luisa Altomonte, sono state apportate modifiche ed integrazioni al D.D.G. 10571 del 15/06/2015 relativo ai posti di Dirigente scolastico e di Direttore dei servizi generali e amministrativi nelle Istituzioni scolastiche autonome sottodimensionate.

PER LEGGERE IL DECRETO:  25_06_16_DECRETO

PER LEGGERE L’ALLEGATO A):  25_06_16_ALLEGATO_A

PER LEGGERE L’ALLEGATO B):  25_06_16_ALLEGATO_B


-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node2010-governo  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-25-06-2016//06:00//I-NODE2010
- -
Governo: Progetto Ape, avanti tutta - 
A luglio trattativa sul contratto
Due questioni importanti e delicatissime in agenda per Governo e OO.SS.
- - 

Progetto Ape, avanti tutta
Coinvolti
anche statali
e autonomi
La discussione sull’anticipo pensionistico con la formula del prestito bancario aperto anche agli statali ed ai lavoratori autonomi, va avanti con un ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, euforico ed i segretari generali delle OO.SS. che restano cauti, parlano di “discussione aperta” e di “dialogo positivo, ma ancora senza cifre” ma per le OO.SS. l’Ape non è certamente il problema più importante in assoluto: sulla ribalta ci sono i lavori usuranti, i lavoratori precoci, le ricongiunzioni onerose e le carriere discontinue dei giovani, ecc..
I pros- simi appuntamenti, con tavoli tecnici, sono fissati per martedì 28 giugno sulle pensioni e giovedì 30 giugno sul lavoro.

.

 

Governo: a luglio trattativa sul contratto
Annuncio, quasi a sorpresa, della ministra della FP, 
Marianna Madia
La ministra della Funzione Pubblica, Marianna Madia, aprirà a luglio la trattativa con i sindacati per il rinnovo del contratto e l’individuazione delle nuove regole del lavoro pubblico.

L'atto di indirizzo all'Aran, ha aggiunto la Ministra, si baserà sui seguenti punti:
- invertire il paradigma sulle retribuzioni: dare di più a chi ha meno e non a chi ha di più;
- apprezzare chi fa bene con una “valutazione differenziata" e senza “le regole rigide"
contenute nella legge Brunetta.
Dopo sette anni era pure ora che si aprisse la trattativa sul contratto, ma bisognerà capire se e quanti soldi il Governo intende porre sul tavolo oltre quelli previsti con la Legge di Stabilità.
Non è un caso, infatti, che i leader sindacali hanno prontamente replicato alla proposta Madia come appresso:
- Domenico Pantaleo (Flc Cgil): “Non può che essere salutato positivamente l'annuncio di convocazione dei sindacati, benché vada ricordato che essa giunge con un gravissimo ritardo, anche rispetto alle sentenze del 2015 sia della Corte costituzionale sia del Giudice del lavoro di Roma adito dalla Flc, che si sono pronunciate contro l'atteggiamento assenteista e dilatorio del Governo in materia di rinnovi contrattuali. (…) Accettabile la proposta di incrementi retributivi per i livelli più bassi, misura contenuta anche nelle nostre piattaforme contrattuali, ma è inacettabile escludere incrementi per gli altri livelli".
- Annamaria Furlan (Cisl): "Era ora che si aprisse la trattativa per il rinnovo dei contratti pubblici (…) una notizia positiva perché sette anni di attesa senza contratto hanno pesato enormemente sulle buste paga delle lavoratrici e dei lavoratori pubblici, sulla qualità del loro lavoro e dei servizi offerti ai cittadini. Bisogna aggiungere che sono più di otto milioni i lavoratori del settore privato e del settore pubblico in attesa del rinnovo contrattuale e proprio per questo abbiamo deciso di organizzare una grande iniziativa unitaria il 12 luglio per porre al centro dell'attenzione del paese l'esigenza di garantire ai lavoratori il diritto ad un rinnovo dei contratti ed una giusta valorizzazione della dignita' del lavoro nel nostro Paese".
- Antonio Focillo (Uil): "Apprezziamo la disponibilità mostrata dalla ministra della P.a. Marianna Madia, per la convocazione del tavolo, e in tale circostanza puntualizzeremo le nostre proposte: un contratto nazionale pieno, normativo ed economico, con la liberazione dei vincoli normativi della contrattazione di secondo livello. (…) Oggi la Corte dei Conti ha sottolineato che il contratto collettivo, anche per i pubblici dipendenti, concorre a dare concreta attuazione al principio della proporzionalità della retribuzione e costituisce fattore propulsivo della produttività e del merito".

 
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node20xx-esami-di-stato  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-25-06-2016//06:00//I-NODE20xx
- -
Esami di Stato: sessione suppletiva e straordinaria
Funzioni aperte in tempi diversificati per rispondere alle esigenze delle Commissioni
- - 
Il Miur, con nota del 22 giugno u.s., prot. n. 6942, informa che sono disponibili fino al 29 giugno p.v., per le segreterie scolastiche e gli uffici provinciali, le funzioni per la richiesta di prove per la sessione suppletiva degli esami di Stato. Per le prove della sessione straordinaria le funzioni saranno disponibili a partire dal 7 luglio.
Le diverse esigenze delle Commissioni d’esame, circa le prove per le sessioni suppletiva e straordinaria, saranno gestite tramite l’apposita funzionalità in ambiente SIDI. Sarà nuovamente disponibile anche la funzione per la registrazione delle richieste di prove in formato speciale.
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node2009-assunzione-infanzia  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-24-06-2016//06:00//I-NODE2009
- -
Assunzione docenti scuola dell’infanzia
Si scorre la graduatoria di merito dell’ultimo concorso
 
- - 
Il Miur, con Decreto n° 496 del 22 giugno scorso, ha avviato la procedura di assunzione del personale docente iscritto nelle graduatorie di merito della scuola dell'infanzia. I docenti parteciperanno per il 50% dei posti effettivamente disponibili per l'anno 2016/2017, sia per i posti comuni che per il sostegno. Il restante 50% sarà destinato ai docenti iscritti nelle Graduatorie ad esaurimento. Confermate due fasi per le procedure di assunzione, una fase regionale e una fase nazionale.
Nelle regioni in cui non risultano docenti iscritti nelle graduatorie di merito della scuola dell’infanzia del concorso indetto con decreto direttoriale del Miur 24 settembre 2012, n. 82, o tale numero risulti inferiore al 50% dei posti vacanti e disponibili, viene accantono un numero di posti pari al 15% del totale dei posti vacanti e disponibili da destinare alla fase di nomina nazionale tra tutte le regioni del sistema scolastico statale descritta alla lettera b) del successivo articolo 4. Qualora il calcolo del 15% determini un numero decimale, tale numero viene arrotondato al numero intero superiore se la parte decimale è maggiore di 0,50, altrimenti è arrotondato all’unità inferiore.
I soggetti che intendono partecipare al reclutamento devono presentare un’unica domanda, esclusivamente tramite Polis – Presentazione On-line delle Istanze, raggiungibile dalla home page del sito internet del Miur: www.istruzione.it . A tal fine sarà pubblicato apposito avviso nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica – IV Serie Speciale – Concorsi ed Esami del 12 luglio 2016. L’avviso ha valore di notifica  a tutti gli effetti. Le procedure per fare domanda saranno esclusivamente on-line e si potranno espletare tra le ore 09:00 del 29 luglio e le ore 14:00 del 9 agosto 2016. Le domande presentate con modalità diversa da quella indicata precedentemente non saranno prese in considerazione.
PER LEGGERE IL DECRETO:  24_06_16_DECRETO
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node2008-organici-ata  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-24-06-2016//06:00//I-NODE2008
- -
Organici Ata a.s. 2016/2017
La prossima settimana sarà resa nota la bozza del decreto e le tabelle;
martedì prossimo nuovo incontro al Miur

- - 
Incontro on-off al Miur sugli organici del personale Ata non essendo disponibili né la bozza di decreto né le tabelle di riparto che dovrebbero essere pronte la prossima settimana.
Tuttavia l’Amministrazione ha tenuto a precisare alle OO.SS. Scuola che:
- la consistenza complessiva è di 203.534 posti che verranno ripartiti tra le Regioni sulla base del rapporto alunni-posti dell’a.s. 2015/2016;
- le scuole autonome funzionanti nel prossimo anno scolastico ammontano a 8.068, compresi 125 CPIA, mentre sono 338 le scuole  sottodimensionate;
- si prevede uno slittamento delle funzioni per la comunicazione al SIDI delle disponibilità;
- i movimenti del personale Ata saranno pubblicati verso la fine di luglio.

Ė stato calendarizzato per martedì della prossima settimana un ulteriore incontro.
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node2007-ferie-imposte  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-24-06-2016//06:00//I-NODE2007
- -
Le ferie imposte ai docenti, ovvero il delirio di potere!
Due Ds (uno calabrese ed uno siciliano) con circolare ignorano Testo Unico e CCNL Scuola
- - 
Lucio Ficara su “La Tecnica della Scuola” commenta due circolari palesemente antisindacali e addirittura illegittime pubblicate da due Ds, rispettivamente di una scuola calabrese ed una siciliana sulle ferie al personale docente a tempo indeterminato.
Sintetizziamo i due casi censurati:
 
CASO A)
Secondo il Ds
calabrese oltre a pretendere la permanenza a scuola, secondo il proprio orario di servizio, nel periodo successivo agli scrutini e fino al 30 giugno, di tutti i docenti non impegnati negli esami di Stato e senza attività programmate, si imponeva il periodo di ferie per chi non risultava impegnato negli esami di Stato, da prendere categoricamente dal 1° luglio al 15 agosto e riprendere servizio il giorno 16 agosto al fine di realizzare i programmati corsi di recupero, di sostegno e di orientamento, di rinforzo e di ogni altra attività progettuale per tutti gli alunni che hanno riportato insufficienze

CASO B) Il Ds siciliano, invece, sempre in ordine alle ferie dei docenti, con circolare ha precisato che il personale docente, con incarico a tempo indeterminato e determinato (fino al 31/08/2016), è invitato a presentare la domanda di richiesta di ferie e festività soppresse, in mancanza si procederà d’ufficio. E fin qui nulla di strano. Sono strani, invece, i riferimenti normativi (Legge n. 228/2012 art. 1 c. 54 e c. 56 - Legge di Stabilità 2013 e della nota MEF del 4/09/2013 prot. n.72696 - Vacanze natalizie dal 22/12/2015 al 6/01/2016 per giorni 10 e vacanze pasquali dal 24/03/2016 al 29/03/2016 per giorni 3) in forza dei quali il Ds – o chi per lui! - è convinto di poter decurtare, nel conteggio delle ferie, 13 giorni delle vacanze di Natale e Pasqua, anche al personale a tempo indeterminato e a tempo determinato fino al 31 agosto!
- - - - - 
A parte l’autorevole presa di posizione della nota Testata on-line, riteniamo – come sempre - che le OO.SS. Scuola regionali siciliane e calabresi debbano intervenire tempestivamente presso i competenti UU.SS.RR. per stoppare questo delirio di potere esercitato utilizzando impropriamente le disposizioni altre, ma ignorando il Testo Unico (Legge n° 297/94) e quanto previsto dal CCNL del Comparto Scuola in ordine all’orario di servizio dei docenti ed alla richiesta delle ferie degli stessi.
Ceripnews resta a disposizione dei mal-di-pancisti-cronici se avessero da replicare su quanto affermato in questa nota. (n.b.)
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node2006-aggiornamento-gae  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-24-06-2016//06:00//I-NODE2006
- -
Aggiornamento GaE 2014/2017
Le operazioni annuali per inclusione, scioglimento riserva e inserimento
titoli dal 23 giugno 2016 fino alle ore 14:00 del giorno 8 luglio 2016

- - 
Il Miur, con Decreto prot. n. 495 del 22 giugno 2016 e la nota di trasmissione prot. 6827 sempre del 22/06/2016, ha disciplinato le operazioni di carattere annuale  relative alle GaE vigenti per il triennio 2014/2017.
È prevista:
- l’inclusione negli elenchi del sostegno / speciali / metodi differenziati da parte di coloro che conseguono il titolo di specializzazione entro l' 8 luglio 2016 (modello 4);
- lo scioglimento della riserva e l'inclusione a pieno titolo da parte di coloro che, già inseriti con riserva , conseguono l'abilitazione entro l'8 luglio 2016  (modello 2);
- l’inserimento dei titoli, sempre acquisiti entro l'8 luglio 2016, per beneficiare della riserva dei posti ai sensi della legge 68/99 (modello 3). Gli interessati ai fini dell'assunzione sui posti riservati devono dichiarare di essere iscritti nelle liste del collocamento obbligatorio alla data di scadenza del termine di presentazione delle domande.
Le domande dovranno essere presentate esclusivamente mediante "Istanze on line" dal 23 giugno 2016 fino alle ore 14:00 del giorno 8 luglio 2016.
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node2005-inclusione  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-24-06-2016//06:00//I-NODE2005
- -
Il Miur per l’inclusione
Firmato protocollo d’intesa Special Olympics-Ministero
- - 
È stato firmato al Miur il protocollo d’intesa con Special Olympics Italia per dare una ulteriore spinta all’inclusione e alla valorizzazione degli studenti con disabilità intellettiva. Il Miur e Special Olympics Italia individueranno programmi ed azioni da intraprendere nelle scuole di ogni ordine e grado (sport unificato) per una piena inclusione delle persone con disabilità intellettiva.
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node2000-maturità  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-23-06-2016//06:00//I-NODE2000
- -
Maturità, seconda prova scritta
Il prossimo scoglio sarà il “quizzone” strutturato dalle varie commissioni d’esame //
 
Che cos’è il documento?
// L’inserto: La nuova Maturità secondo la Giannini
- - 
Oggi la seconda prova scritta differente da un indirizzo all’altro. Al Liceo Classico dove è in programma la versione di Greco gli alunni fino alle ultime ore rincorrono Plutarco e Platone, Tucilide e Luciano, ma sono molto gettonati anche Aristotele, Ippocrate, Demostene ed Epitteto; Per il Liceo Scientifico la traccia sarà di Matematica divisa in 2 problemi e 10 quesiti su funzioni, geometria e calcoli. 
Diversa la situazione per i maturandi che frequentano gli Istituti Tecnici e Professionali con tracce che vanno da Finanza & Marketing alle Discipline aziendali, alle Tecnologie, alla Chimica, all’Economia per arrivare agli Istituti Alberghieri con tracce di Scienza e Cultura dell’Alimentazione per l’indirizzo di Enogastronomia e Servizi di sala e vendita per finire agli Istituti Professionali in Produzioni Industriali che con i vari indirizzi presenta tracce che vanno dagli Arredi e forniture di interni a Tecniche di produzione e di organizzazione per arrivare alla Progettazione e comunicazione audiovisiva per il settore Linguaggi e tecniche di produzione e comunicazione audiovisiva. 


La nuova Maturità secondo la Giannini
Gli esami di Stato in Italia hanno bisogno di un tagliando, parola di Ministro. Anzi, a suo dire, “lo stiamo facendo; l'anno prossimo ci saranno delle sorprese. Per dare agli studenti un esame sempre più aggiornato, che apra verso il futuro; sia esso all'università o nel mondo del lavoro". Parole al vento, gettate qua e là, senza una parola di più! Il presunto tagliando potrebbe non risultare molto gradito agli studenti del prossimo ultimo anno di studi ed inoltre bisognerà capire bene se e quanto l’intervento di manutenzione possa risultare utile e proficuo. Meglio ancora se non si scopre all’ultimo minuto!

***
Come abbiamo già scritto ieri, i 503.452 candidati previsti dal Miur, sempre dalle ore 08:30 in poi (almeno sulla carta) affronteranno le tracce scelte dal Miur che il 37% degli studenti intervistati da Skuola.net, considera lo scoglio più duro; ma preoccupa anche la terza prova scritta, il famigerato “quizzone” perché anche se non il Miur a scegliere i quesiti, le varie commissioni talvolta prendono per la tangente e contenuti, tipologie e durata della prova sono tutte la scoprire.
L’esame orale viene considerato a rischio dal 32% degli studenti intervistati, una percentuale alquanto alta, nonostante l’incipit avvenga con  la tesina a carattere multidisciplinare e su di essa si costruisce successivamente tutto l’esame.
La novità di quest’anno è che nella Maturità di quest’anno calano i privatisti (-14% secondo dati Miur); altra novità è il rilascio del certificato “Europass” che gli studenti maturandi riceveranno insieme al consueto diploma. Il certificato, altra responsabilità per le commissioni, è una sorta di “passaporto Ue delle competenze”, un documento che aiuta il riconoscimento del titolo di studio all’estero e la sua spendibilità sul mercato del lavoro, descrive le competenze degli studenti e le attività professionali cui possono accedere.
- - - - -
Che cos’è il documento?
Il documento già predisposto in formato europeo descrive le attività professionali e le tipologie di lavoro cui il titolare del certificato può accedere. Inoltre richiama anche le attività di alternanza scuola-lavoro che da quest’anno potranno essere inserite nel certificato dell’esame con la denominazione dell’azienda che ha ospitato lo studente e il numero di ore effettuate. Il Miur ha assicurato di distribuire il documento anche ai diplomati dello scorso anno. Il documento – sottolinea il Direttore generale del Miur, Carmela Palumbo, si rivolge al mondo del lavoro per facilitare l’accesso dei neodiplomati alle professioni, ma anche alle scuole, chiamate a raccogliere la sfida della didattica delle competenze.  
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node1999-compiti  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-23-06-2016//06:00//I-NODE1999
- -
Basta compiti, la scuola non migliora così!
Maurizio Parodi, Ds scrittore, invia un  appello al ministro Giannini e al Governo
- - 
Maurizio Parodi, il Ds genovese più amato dagli studenti perché vuole abolire i compiti a casa, torna alla carica scrivendo alla Ministra dell’Istruzione e al Governo per chiedere formalmente di abolire gli esercizi a casa.
A parte il confronto poco funzionale con la scuola finlandese che fa Parodi (il confronto fra i 2 sistemi scolastici è improponibile), è scontato che la scuola peggiore d’Europa (dopo di noi c’è solo la Grecia e il Portogallo!) non migliora certo con i compiti a casa.
Scontato che la Ministra potrà esimersi dal rispondere al Ds scrittore, ma certamente dovrà tenere conto degli oltre 15mila cittadini che condividono la proposta.
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node1998-reti-scuole  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-23-06-2016//06:00//I-NODE1998
- -
Reti di scuole: adesione libera delle scuole
Il colmo: un’elaborazione Miur stava diventando disposizione con scadenza!
- - 
C’è voluta la protesta delle OO.SS. Scuola e un incontro al Miur per svelare l’arcano: il Miur ha fatto sapere che la nota del 7 giugno scorso nella quale si indicavano adempimenti, modalità e tempi per aderire alle reti di scuole, doveva intendersi come un'elaborazione predisposta da un gruppo di lavoro ministeriale, che lascia comunque alle prerogative dell'autonomia scolastica ogni decisione sull'adesione o meno alle stesse reti.
E solo adesso, guarda caso, dopo la protesta sindacale e la levata di scudi dei Ds – peraltro tutti impegnati negli esami di Stato di I e II ciclo – il Miur emanerà quanto prima un'apposita nota di precisazione. Ora, siccome i Ds non hanno l’anello al naso, come si dice in gergo, bisogna capire se il Miur c’è … o ci prova soltanto, giusto per vedere come va a finire la vicenda.
Ė bene quindi che la categoria tenga alto il tono della protesta per questa robetta e per altro ancora, a cominciare dalla valutazione, dal contratto e dal RAV di cui ancora si attendono le determinazioni del Miur dopo una richiesta urgente di incontro avanzata unitariamente da Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal e Gilda Unams, come abbiamo scritto ieri ( leggi: http://www.ceripnews.it/notizie.htm#i-node1994-rrinvio-rav ) .
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

 -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node1995-maturità-tema  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-22-06-2016//06:00//I-NODE1995
- -
Maturità, il giorno del tema
Oggi al via gli esami con la prova di Italiano – I pronostici sul web: da Eco all’Isis, 
passando da Dante a Pirandello, in pool anche Montale e Ungaretti, come al solito!  
- - 
Fra poche ore scatterà l’ora X per la Maturità 2016 con la prima prova scritta che è la meno temuta.  Come abbiamo già scritto ieri, i 503.452 candidati previsti dal Miur, dalle ore 08:00 in poi (almeno sulla carta) affronteranno le tracce scelte dal Miur nella speranza (anzi nella certezza) che almeno una sia abbordabile; non è sicuro solo l’8% (Indagine Skuola.net). Domani, invece, quando ci sarà la seconda prova scritta diversa per i vari indirizzi di studio per il 37%, sempre secondo Skuola.net, sarà lo scoglio più duro; ma preoccupa anche la terza prova scritta, il famigerato “quizzone” perché anche se non il Miur a scegliere i quesiti, le varie commissioni talvolta prendono per la tangente e contenuti, tipologie e durata della prova sono tutte la scoprire.
L’esame orale viene considerato complesso ed a rischio  solo dal 32% degli studenti intervistati, una percentuale alquanto alta, nonostante l’incipit avvenga con  la tesina a carattere multidisciplinare e su di essa si costruisce successivamente tutto l’esame.
La novità di quest’anno è che nella Maturità di quest’anno calano i privatisti (-14% secondo dati Miur); altra novità è il rilascio del certificato “Europass” che gli studenti maturandi riceveranno insieme al consueto diploma. Il certificato, altra responsabilità per le commissioni, è una sorta di “passaporto Ue delle competenze”, un documento che aiuta il riconoscimento del titolo di studio all’estero e la sua spendibilità sul mercato del lavoro, perché descrive le competenze degli studenti e le attività professionali cui possono accedere.
-  
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node1994-rrinvio-rav  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-22-06-2016//06:00//I-NODE1994
- -
RAV a.s. 2015/2016: richiesta di rinvio
Le OO.SS. Scuola (Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola Snals Confsal
e Gilda Unams hanno inviato una nota unitaria
- - 
I segretari generali delle OO.SS. Scuola: Domenico Pantaleo (Flc Cgil), Maddalena Gissi (Cisl Scuola), Rosa Cirillo (Uil scuola), Marco Paolo Nigi (Snals Confsal) e Rino Di Meglio (Gilda Unams), con una nota unitaria, hanno chiesto al Capo del Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione, Rosa De Pasquale, e al Direttore generale per gli Ordinamenti scolastici e la Valutazione del Sistema Nazionale di Istruzione, Carmela Palombo, il rinvio della scadenza per la compilazione on line del RAV, fissata al 30 giugno, con un “significativo differimento della scadenza” che tenga conto che solo a settembre sarà completato il quadro delle risorse professionali disponibili per le scuole.
Nella nota si osserva che la conclusione di quest’anno scolastico è caratterizzata da una serie convulsa di adempimenti che rendono difficilmente praticabile il rispetto di questa scadenza. In tal senso ci sono giunte numerose richieste da parte delle scuole di un congruo differimento di tale termine.
A questo occorre aggiungere che:
1) Le scuole stanno generalmente provvedendo alla revisione (e, nei casi previsti, alla compilazione ex novo) del RAV, tenuto conto che il Piano Triennale dell’Offerta Formativa deliberato, non ha avuto corrispondenza con le risorse umane assegnate dal MIUR;
2) Il RAV sarà punto di riferimento per la valutazione dei Dirigenti Scolastici.
PER LEGGERE LA NOTA:  22_06_16_RINVIO_RAV
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node1993-decreto-madia  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-22-06-2016//06:00//I-NODE1993
- -
Il decreto Madia e il personale Ata
I Ds responsabili dell’omessa attivazione del procedimento
- - 
Dalla data di entrata in vigore del decreto Madia (il primo giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale), scatteranno anche nei confronti del personale Ata, unico tenuto a firmare la presenza o timbrare il cartellino o strisciare il budge, le sanzioni (eventuali) per falsa attestazione della presenza in servizio.
Scrive Nicola Mondelli su ItaliaOggi di ieri (21 giugno 2016), che i provvedimenti conseguenti le modifiche apportate all’articolo 55-quater del Decreto Legislativo n° 165/2001, troveranno applicazione solo per gli illeciti commessi successivamente alla data di entrata in vigore del nuovo decreto.
Restano invariate tutte le altre disposizioni in materia di licenziamenti disciplinari, per giusta causa, per giustificato motivo di cui all’articolo 55 e seguenti Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n° 165 w successive modificazioni e integrazioni.
L’omessa attivazione del procedimento disciplinare e l’omessa adozione del provvedimento di sospensione cautelare, senza giustificato motivo, da parte del Ds competente che abbia acquisito conoscenza del fatto illecito, costituisce illecito disciplinare punibile con il licenziamento.
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node1992-valutazione-ds  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-22-06-2016//06:00//I-NODE1992
- -
Il CSPI sulla valutazione dei Ds
Parere favorevole
, ma condizionato alle modifiche proposte
- - 
Il Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione ha espresso parere favorevole alla Direttiva sulla Valutazione dei Ds a condizione che vengano apportate ai singoli articoli le modifiche indicate nel corpo del parere. Di fatto un parere fortemente condizionato alle tante modifiche da apportare alla Direttiva.
PER UNA DETTAGLIATA  LETTURA DEL PARERE DEL CSPI: 22_06_16_PARERE_CSPI_VAL_DS
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node1989-countdown-maturità  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-21-06-2016//06:00//I-NODE1989
- -
Countdown Maturità 2016
Le preoccupazioni degli studenti e le responsabilità dei commissari
- - 
Domani la prima prova, quella di Italiano per gli esami di Stato 2016, che è la meno temuta. I 503.452 candidati previsti dal Miur, alle ore 08:00 in poi (almeno sulla carta) affronteranno le tracce scelte dal Miur nella speranza (anzi nella certezza) che almeno una sia abbordabile; non è sicuro solo l’8% (Indagine Skuola.net).
Il giorno dopo, invece quando ci sarà la seconda prova scritta diversa per i vari indirizzi di studio per il 37%, sempre secondo Skuola.net, sarà lo scoglio più duro; ma preoccupa anche la terza prova scritta, il famigerato “quizzone” perché anche se non il Miur a scegliere i quesiti, le varie commissioni talvolta prendono per la tangente e contenuti, tipologie e durata della prova sono tutte la scoprire.
L’esame orale viene considerato complesso e a rischio  solo dal 32% degli studenti intervistati, una percentuale alquanto alta, nonostante l’incipit avvenga con  la tesina a carattere multidisciplinare e su di essa si costruisce successivamente tutto l’esame.
La novità di quest’anno è che nella Maturità di quest’anno calano i privatisti (-14% secondo dati Miur); altra novità è il rilascio del certificato “Europass” che gli studenti maturandi riceveranno insieme al consueto diploma. Il certificato, altra responsabilità per le commissioni, è una sorta di “passaporto Ue delle competenze”, un documento che aiuta il riconoscimento del titolo di studio all’estero e la sua spendibilità sul mercato del lavoro, perché descrive le competenze degli studenti e le attività professionali cui possono accedere.
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node1988-alternanza-scuola-lavoro  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-21-06-2016//06:00//I-NODE1988
- -
Attività di alternanza scuola-lavoro
Protocollo USR Sicilia e l’Associazione “Le Vie dei Tesori”
- - 
L’Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia ha firmato ieri un protocollo d’intesa con l’Associazione “Le Vie dei Tesori” di Palermo, finalizzato alla realizzazione di attività di alternanza scuola-lavoro rivolte agli studenti delle terze e quarte classi degli istituti di istruzione secondaria superiore della città di Palermo.
In particolare saranno coinvolti, presso i siti scelti quali sedi della Manifestazione “Le Vie dei Tesori” che si svolgerà a Palermo nel mese di ottobre 2016, studenti del terzo e quarto anno dei licei classici, scientifici, artistici, linguistici e socio-psico-pedagogici e degli istituti tecnici economici e per il turismo della città.
Gli studenti parteciperanno attivamente alla promozione e valorizzazione innovativa del patrimonio culturale, artistico e naturalistico della città e dei beni e siti normalmente chiusi o difficili da visitare.
L’USR Sicilia comunica anche che a breve sarà organizzato un incontro informativo con i dirigenti scolastici interessati per la pianificazione delle relative attività che si realizzeranno già a partire dai prossimi mesi, di cui l’Ufficio II ( Risorse finanziarie, Politiche formative e Fondi europei) darà comunicazione nei prossimi giorni.
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node1987-protesta-irc  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-21-06-2016//06:00//I-NODE1987
- -
Protesta nazionale IRC
Oggi manifestazione Snadir a Trastevere
- - 
Oggi il sindacato Snadir effettuerà un sit-in davanti al Miur (Viale Trastevere - Roma). Il motivo della manifestazione è la progressiva azione di marginalizzazione dell’insegnamento della religione derivante dalla nefasta legge 107/2015 (la cd. “Buona Scuola”).
In particolare, non solo gli insegnanti di religione con incarico annuale sono rimasti esclusi dal piano straordinario di assunzione, ma non è seguito alcun bando di concorso o altra procedura assunzionale che permettesse ai docenti di religione di essere immessi in ruolo con contratto a tempo indeterminato.
A tanto si aggiunge – osserva lo Snadir - il preoccupante e deleterio silenzio del Governo circa l’applicazione o meno della norma della legge suddetta, che impedisce la stipula dei contratti di lavoro a tempo determinato oltre i 36 mesi (comma 131) anche agli incaricati annuali di religione.
Inoltre, ai docenti a tempo determinato è stata negata la possibilità di usufruire della “Carta del docente” per l’aggiornamento professionale, sono stati estromessi dal bonus del merito ed anche dalla funzione di animatore digitale.
Lo Snadir osserva infine che:
- nelle ultime disposizioni ministeriali l’insegnamento di religione è considerato sempre più un “corpo estraneo” della scuola, dato che è stato escluso dall’organico dell’autonomia: un provvedimento discriminatorio e vessatorio nei confronti dei docenti di religione che da anni svolgono la funzione di collaboratore vicario (non riconfermabili nell’incarico per i prossimi anni);
- non è stata istituita una classe di concorso IRC;
- non è stata introdotta la valutazione numerica della materia al pari degli altri insegnamenti.
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node1986-digitalizzazione  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-21-06-2016//06:00//I-NODE1986
- -
DigitalSession@Miur
Si conclude oggi la prima scuola estiva di formazione sul digitale
- - 
Il primo appuntamento delle DigitalSession@Miur, momenti di confronto  rivolti ai docenti, organizzati nell’ambito dell’attuazione del Piano Nazionale Scuola Digitale, si conclude oggi presso la Sala della Comunicazione del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, in viale Trastevere 76/a. I 60 docenti intervenuti hanno seguito incontri in presenza iscrivendosi alla piattaforma appositamente dedicata accessibile mediante il link inviato all’indirizzo e-mail istituzionale della scuola.
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node1985-organici  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-20-06-2016//06:00//I-NODE1985
- -
Organici scuola, allarme per la riduzione di Docenti e Ata
La protesta dei sindacati
Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola e Snals Confsal 
contro l’Amministrazione
- - 
Sarà la Buona Scuola capovolta, con i numeri che devono far riflettere: gli organici dei docenti, a parte il papocchio del potenziamento, non consentono di alimentare tempo pieno, prolungamenti di orario e progetti extrascolastici; gli organici ATA, che risentono anche quest’anno del tagli dei 2mila ed oltre posti, non assicurano un’adeguata organizzazione delle scuole, con buona pace della qualità dei servizi che devono essere garantiti; il personale educativo, solo facendo salti mortali e per pochi euro di compenso, garantirà il servizio h 24 nei convitti e negli educandati anche d’estate.
I sindacati Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola e Snals Confsal esprimono forte preoccupazione per i numeri relativi al personale docente e amministrativo, tecnico e ausiliario delle scuole, per le promesse -  finora non mantenute - del Governo.
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node1984-concorsone  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-20-06-2016//06:00//I-NODE1984
- -
Concorsone: la prova orale e le graduatorie di merito
Diramata dal Miur la nota n° 15975/2016 che detta indicazioni agli UU.SS.RR.
- - 
Il Miur ha fornito indicazioni agli Uffici Scolastici Regionali in merito allo svolgimento delle prove orali e all’approvazione delle graduatorie di merito del concorso docenti 2016.

Coloro che hanno superato la prova scritta, e nei casi previsti anche la prova pratica di laboratorio, riceveranno una comunicazione via mail, all’indirizzo indicato dal candidato nella domanda di partecipazione al concorso, almeno 20 giorni prima dello svolgimento della prova orale. La mail riporterà anche il voto conseguito.

Il calendario delle prove orali e l’elenco degli ammessi (senza il punteggio conseguito), potranno essere pubblicati anche sui siti degli Uffici scolastici. La pubblicazione non ha alcun valore di notifica, in quanto la notifica al singolo candidato deve avvenire tramite posta elettronica con la comunicazione con il voto riportato nelle prove svolte.
La prova orale avrà una durata massima di 45 minuti, dei quali: massimo 35 sono dedicati alla lezione simulata preceduta da un’illustrazione delle scelte contenutistiche, didattiche e metodologiche compiute per la costruzione delle lezione; massimo 10 minuti saranno dedicati all’interlocuzione con il candidato da parte della commissione, sui contenuti della lezione, per accertare la conoscenza della lingua straniera e per discutere sui contenuti del programma d’esame e sulla progettazione didattica, anche con riferimento alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

Il tema della lezione simulata sarà estratto 24 ore prima della prova; ciascun candidato dovrà estrarre la propria, tra quelle predisposte dalla commissione (il cui numero totale è fissato in 3 volte il numero dei candidati ammessi).
Per il sostegno, la prova orale valuta la competenza del candidato nelle attività di sostegno all’alunno con disabilità volte all’apprendimento della lezione curricolare, nonché la relativa capacità di trasmissione e di progettazione didattica con riferimento alle diverse tipologie di disabilità, anche mediante l’impiego delle tecnologie normalmente in uso presso le istituzioni scolastiche.

Per la scuola primaria, la lingua straniera è obbligatoriamente la lingua inglese, ferma restando la valutazione almeno al livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue, nonché della specifica capacità didattica del candidato in relazione alla fascia di età dei discenti.

Per le classi di concorso di lingua straniera la prova orale si svolge interamente nella lingua stessa, inclusa l’illustrazione delle scelte contenutistiche, didattiche e metodo logiche compiute, nonché la fase di interlocuzione con la commissione.

La prova orale si intende superata conseguendo un punteggio di almeno 28/40.

Successivamente allo svolgimento degli orali, si procederà alla verifica dei titoli valutabili ai fini dell’approvazione delle graduatorie di merito.

I titoli valutabili sono quelli previsti dal DM del 23 febbraio 2016 n° 94, ed esclusivamente quelli dichiarati nella domanda di partecipazione al concorso conseguiti entro il termine di scadenza per la presentazione della domanda.
I candidati che abbiano ricevuto dall’Ufficio Scolastico Regionale competente la comunicazione del superamento della prova orale, dovranno presentare i titoli dichiarati nella domanda di partecipazione, entro e non oltre il termine di 15 giorni dalla comunicazione.

Valutate le prove e i titoli presentati dai candidati, le commissioni procederanno alla compilazione della graduatoria di merito, inserendo i candidati nel limite massimo dei posti messi a bando per ciascuna procedura concorsuale maggiorati del 10%.

-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node1983-bonus-docenti  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-20-06-2016//06:00//I-NODE1983
- -
Bonus docenti, la Gilda ricorre al Tar Lazio
Ai sensi dei commi 126 e 128 della Legge 107/2015 è illegittimo destinarlo 
solo al personale docente di ruolo

- - 
Il responsabile dell’Ufficio legale della Federazione Gilda-Unams, ha notificato al Tar del Lazio un ricorso relativo alla ripartizione del fondo per la valorizzazione del merito del personale docente ritenendo che le circolari attuative della riforma che, disponendo di considerare nella distribuzione del bonus soltanto gli insegnanti di ruolo, contravvengono al comma 126 della Legge 107/2015 secondo cui le risorse devono essere distribuite in base alla dotazione organica delle scuole, senza dunque distinguere tra docenti assunti a tempo indeterminato e supplenti.
Contestualmente è stata sollevata una pregiudiziale di incostituzionalità riguardante il comma 128 della Legge 107/2015 che impone ai Ds di ripartire i fondi del bonus soltanto tra i docenti di ruolo.
Ad avviso della Gilda-Unams si tratta di una disposizione che viola gli articoli 3, 51 e 97 della Costituzione, nonché la clausola 4 dell’Accordo Quadro allegata alla Direttiva europea 1999/70 che stabilisce la tutela del principio di non discriminazione a livello dello stesso personale.
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node1982-formazione  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-20-06-2016//06:00//I-NODE1982
- -
Sicilia, Formazione professionale al via
In G.U.R.S. il bando che stanzia 136 mln/euro // L’inserto: Standard formativi 
nei percorsi di apprendistato – Delibera della Giunta della Regione Siciliana
- - 
Via libera all’Avviso 8 che sblocca i corsi di formazione professionale in Sicilia. Il decreto che stanzia 136 milioni di euro è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana (G.U.R.S.) e consentirà di far tornare al lavoro i circa 4mila dipendenti della F.p.
I fondi sono quelli del Pon Fse Sicilia 2014-2020 (95 mln/euro Asse “Occupazione” e 41 mln/euro Asse “Istruzione e Formazione”).
Il bando prevede 10 aree strategiche declinate in stretto ordine alfabetico:
- agricoltura
- agro-alimentare
- edilizia
- energie rinnovabili
- lapideo
***
***


Standard formativi nei percorsi di apprendistato
Delibera della Giunta della Regione Siciliana
La Giunta della Regione Siciliana ha approvato una delibera che recepisce il DM sulla definizione degli standard formativi dell’apprendistato e fissa regole e criteri dei percorsi di apprendistato definendo gli standard formativi per il conseguimento del diploma professionale, il diploma di istruzione superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore, oltre ai criteri per l’apprendistato di alta formazione e ricerca e quelli per l’apprendistato per le professioni ordinistiche.

***
- pesca
- servizi culturali e spettacolo
- servizi socio-assistenziali
- tecnologia dell’informazione e della comunicazione
- turismo.
In tutto 51 figure professionali riconosciute in Italia secondo l’elenco concordato tra Regioni e Governo centrale e inserite nel Repertorio delle qualificazioni.
Gli enti accreditati potranno avanzare domanda on-line di finanziamento entro e non oltre il 18 luglio prossimo.
I corsi sono rivolti a persone in cerca di prima occupazione e disoccupati di età compresa tra 18 e 65 anni. Ogni corso dovrà avere almeno 15 allievi.
Il bando è consultabile sul sito della Regione Siciliana: www.regione.sicilia.it .
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node1981-docenti  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-20-06-2016//06:00//I-NODE1981
- -
Docenti precari battono il Miur
Il Ministero condannato per il reiterato uso di contratti a termine 
e il mancato pagamento delle ferie non godute!
- - 
Il Miur è stato condannato 2 volte dal Tribunale di Reggio Emilia in seguito ad altrettanti ricorsi promossi da alcuni docenti.
La prima sentenza riguarda il risarcimento del danno economico dovuto al reiterato abuso dei contratti a termine, con onere a carico del Miur di liquidare la differenza tra quanto già percepito e quanto, invece, spettante in considerazione dell’anzianità di servizio maturata ed anche del pagamento delle spese processuali.
La seconda sentenza riguarda il diritto del personale precario al pagamento dell’indennità sostitutiva per le ferie non godute nell’anno scolastico 2012-2013. Secondo la tesi del Miur il divieto di monetizzazione delle ferie per i dipendenti pubblici – introdotto in quel periodo dalla legge nell’ambito del comparto scuola – andava anticipato di un anno per il personale precario, mentre per il personale di ruolo il divieto entrava in vigore l’anno dopo. Nel corso del dibattimento è stata smontata la difesa dell’Amministrazione che si appellava alle circolari del Mef emanate durante l’anno 2013.
-
-

Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia, è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere nbonacasa@ceripnews.it //info@ceripnews

- -

  <> TORNA AL SOMMARIO  <> CERIPNEWS <> TORNA AL SOMMARIO <>

- -

<CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> <> <> CERIPNEWS <> 

- -
- -
- -
- -
- -
- -
- -
i-node1980-salute&benessere  
-- -

<CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> CERIPNEWS <> 

- -
- -   
CERIPNEWS//NOTIZIE//XVI-20-06-2016//06:00//I-NODE1980
- -
Salute & BenEssere: l’importanza di imparare a dormire
Il buon sonno salutare per bimbi e genitori. Un articolo di Elena Meli su “Sette” 
del Corriere della Sera (17 giugno 2016)
- -